Icona numero verde
numero verde
800 987 787
Donation hotline 45582
From October 06, 2020 until October 25, 2020
Donation from a Convergenze landline: 5 €
Ricordiamoci di Salvare l'Italia

Promuovere in concreto una cultura di rispetto della natura, dell'arte, della storia e delle tradizioni d’Italia e tutelare un patrimonio che è parte fondamentale delle nostre radici e della nostra identità.

E' questa la missione del FAI - Fondo Ambiente Italiano, che dal 1975 ha salvato, restaurato e aperto al pubblico importanti testimonianze del patrimonio artistico e naturalistico italiano .

FAI - Fondo Ambiente Italiano

Promuovere in concreto una cultura di rispetto della natura, dell'arte, della storia e delle tradizioni d'Italia e tutelare un patrimonio che è parte fondamentale delle nostre radici e della nostra identità.

E' questa la missione del FAI - Fondo Ambiente Italiano, che dal 1975 ha salvato, restaurato e aperto al pubblico importanti testimonianze del patrimonio artistico e naturalistico italiano.

For further information www.fondoambiente.it
Donation hotline 45587
From October 04, 2020 until October 31, 2020
Donation from a Convergenze landline: 5 €
Intorno a noi

Con il progetto “Intorno a noi” Fondazione Ariel garantirà ascolto, vicinanza e sostegno ai bambini e alle famiglie che affrontano la sfida Paralisi cerebrale infantile. Grazie a una nuova équipe di professionisti saranno potenziati i servizi di orientamento e di consulenza telefonica e on line. Saranno inoltre realizzate nuove attività di formazione per famiglie, operatori e volontari, e nuovi gruppi di sostegno dedicati a genitori, fratelli, sorelle e familiari. Per fornire risposte alle domande e ai bisogni di questi nuclei familiari, spesso dimenticati durante l'emergenza sanitaria legata al Covid-19 e nelle sue conseguenze sul lungo termine. Per sostenere giorno dopo giorno questi piccoli e tutti i membri della loro famiglia nell'impegnativo percorso che li attende.

Fondazione Ariel

Dal 2003 Fondazione Ariel è al fianco delle famiglie di bambini con Paralisi cerebrale e disabilità neuromotorie, sostenendole con un servizio che, in Italia, nessun altro svolge: attività di animazione per i bambini, supporto socio-assistenziale e psicologico, orientamento e formazione per i genitori e, ancora, promozione della ricerca scientifica per trovare nuove soluzioni terapeutiche per la Paralisi cerebrale e le altre patologie neuromotorie infantili.

For further information www.fondazioneariel.it
Donation hotline 45511
From October 01, 2020 until November 15, 2020
Donation from a Convergenze landline: 5 €
Dai acqua al futuro dei bambini del Kenya

Il progetto realizzerà interventi di contrasto alla siccità per garantire accesso all'acqua ai  bambini e le loro madri, fasce particolarmente vulnerabili della popolazione, che vivono in zone aride e semi aride del Kenya centrale, fortemente soggette a siccità a causa dei cambiamenti 

climatici e della conseguente desertificazione. Gli effetti di questi fenomeni, infatti, hanno  impattato negativamente sui mezzi di sussistenza delle comunità locali, relegandole in un circolo di povertà. I bambini, in particolare, soffrono di gravi carenze nutrizionali e precarie condizioni igieniche.

ActionAid

ActionAid è un’organizzazione internazionale indipendente impegnata nella lotta alle cause della fame nel mondo, della povertà e dell’esclusione sociale. Da oltre 40 anni siamo a fianco delle comunità del Sud del mondo per garantire loro migliori condizioni di vita e il rispetto dei diritti fondamentali, in collaborazione con oltre 2000 organizzazioni locali.

Grazie ai fondi raccolti raggiungiamo circa 27 milioni di persone attraverso 800 progetti sviluppati in quasi 50 paesi dell’Africa, Asia, America Latina e anche in Italia. ActionAid ha la sua sede di coordinamento in Sud Africa a Johannesburg e affiliati nazionali nel Nord e nel Sud del mondo.

In Italia ActionAid è presente dal 1989 e nel 2003 è divenuta ONG riconosciuta dal Ministero degli Affari Esteri. Il nostro lavoro si concentra soprattutto su bambini e adolescenti, donne e fasce della popolazione più svantaggiate, aiutandoli ad agire per un futuro migliore.

Lavoriamo per garantire interventi in grado di creare un reale cambiamento sostenibile nel tempo. L’approccio di lavoro utilizzato da ActionAid Italia si fonda sui diritti umani e mira a dare alle persone che vivono in condizioni di povertà la possibilità di organizzarsi e mobilitarsi per rivendicare, ottenere e godere i propri diritti fondamentali, quali cibo, acqua potabile, istruzione e cure mediche.

For further information https://www.actionaid.it/
Donation hotline 45533
From October 01, 2020 until December 31, 2020
Donation from a Convergenze landline: 5 €
Proteggiamo i Bambini

“Proteggiamo i bambini” è la nuova campagna globale lanciata da Save the Children per contrastare la povertà economica ed educativa dei bambini, in Italia e nel mondo. Vogliamo proteggere circa 40.000 bambini dall'impatto che il Covid-19 ha avuto e può avere sulle loro vite. In Italia lavoriamo per garantire opportunità di apprendimento, socialità e gioco per tutto l’anno scolastico 2020/2021 ai bambini delle periferie più svantaggiate del nostro Paese assicurando al contempo un supporto materiale alle famiglie maggiormente colpite dalla crisi dovuta al Covid-19. Parallelamente operiamo nel contesto internazionale per fornire un’istruzione di qualità ai bambini fra i 3 e i 6 anni in Etiopia e Uganda e garantire sicurezza alimentare, salute e nutrizione a tanti bambini e loro famiglie in Mozambico.

Save the Children

Save the Children è la più grande organizzazione internazionale indipendente e opera in circa 120 paesi con una rete di 28 organizzazioni nazionali e una struttura internazionale (save the children International). Save the Children nel mondo è una organizzazione Non Governativa (ONG) con status consultivo presso il consiglio Economico e sociale delle Nazioni Unite (Ecosoc). Noi di Save the Children crediamo che ogni bambino meriti un futuro. In Italia e nel resto del mondo lavoriamo ogni giorno per dare ai bambini ciò che ognuno di loro merita: l’opportunità di nascere e crescere sani, di ricevere un’educazione e di essere protetti. Save the Children, da 100 anni, lotta per salvare i bambini a rischio e garantire loro un futuro.

Donation hotline 45530
From September 28, 2020 until November 08, 2020
Donation from a Convergenze landline: 5 €
Corsa dei Santi

Era la metà dell’Ottocento quando, per le strade di Torino, Giovanni Bosco, con  atteggiamento ribelle nei confronti dei costumi e degli stereotipi dei suoi tempi, incontrava i suoi ragazzi, iniziando con loro un percorso educativo. Da lì l’idea di costruire nel quartiere di Valdocco il primo oratorio salesiano: il cortile non è più uno "spazio vuoto", un "non  luogo", ma diventa l'opportunità di incontrarsi, entrare in relazione, iniziare un percorso educativo. Ma c’è di più: Giovanni Bosco va a cercare i giovani che più avevano bisogno di aiuto, quelli  detenuti in carcere – fino al 1845 insieme agli adulti –, per invitarli all’oratorio una volta ottenuta la libertà. Nelle sue memorie scrive: 

“Questi ragazzi dovrebbero trovare fuori un amico che si prenda cura di loro, li assista, si  occupi della loro istruzione, li porti in chiesa nei giorni di festa. Allora, forse, non tornerebbero a cadere”. Da allora e sulle sue orme, “il cortile” si è spostato in tutte quelle realtà marginali in cui c’è  più bisogno di stare accanto ai giovani, dalle periferie alle carceri. 

Questa storia del XIX secolo si ripete oggi in molti Paesi in cui i missionari salesiani lavorano  con i ragazzi e le ragazze in prigione. La fiducia nella gioventù e nell’educazione piuttosto che nella punizione continuano a essere la cifra stilistica della loro azione e lo strumento più efficace per offrire una seconda opportunità a tutti.  La gioventù è il momento di sperimentare, di godere della libertà, di iniziare ad assumersi le proprie responsabilità, ma è anche tempo di fare errori e imparare dagli sbagli. Tuttavia, in molti paesi del mondo, ai giovani non è permesso fare errori: a errore corrisponde punizione. Ma una punizione non cambia una condotta che va nella direzione sbagliata, piuttosto alimenta la rabbia e la fiducia. Per questa ragione, i missionari salesiani lavorano per dare un’alternativa a questi giovani, per aprire quelle porte che a loro sono state 

chiuse, condannandoli alla marginalità, e per integrarli in una società che ha bisogno di loro  e di cui loro sono il futuro. 

L'alternativa salesiana intende promuovere un sano sviluppo della personalità di ragazzi e  ragazze, incoraggiare la convivenza, la collaborazione, il rispetto, la capacità di ascoltare e di saper comunicare con gli altri. Tutto ciò attraverso il gioco, la creatività, pratiche collaborative e la stimolazione delle abilità attraverso vari laboratori. 

Più di un milione di bambini e giovani in tutto il mondo sono privati della libertà nelle  carceri o nei centri di reclusione per minori, secondo le Nazioni Unite. La maggior parte non ha precedenti ed è stata accusata di piccoli crimini o reati che per gli adulti non lo sono come, ad esempio, dormire in strada. Inoltre, il 59% dei minori detenuti è in attesa di  giudizio e nonostante ciò continua a stare in carcere: minori che vedono i loro diritti sistematicamente violati, trattati come criminali quando in realtà avrebbero piuttosto bisogno di supporto e assistenza sociale. 

I salesiani pensano che sia importante far sentire ai ragazzi che meritano attenzione e che è  una gioia poter interagire con loro. La risposta salesiana si concretizza in interventi specifici nelle diverse realtà e nelle diverse fasi del percorso di detenzione: dalle misure alternative al sistema carcerario, come a Luanda, in Angola, all’accompagnamento dei minori detenuti nel processo giudiziale come a Freetown, in Sierra Leone, all’animazione in carcere, come in Messico a Ciudad Juarez grazie alla Brigada de la Alegria, al reinserimento nella società, come a Chennai, in India. A Freetown i missionari salesiani sono ad oggi gli unici a poter entrare nel carcere di Pademba, dove portano cibo, acqua, medicine ai detenuti più fragili e offrono supporto e orientamento. 

Trasformare la gioventù attraverso l'educazione: questa è la proposta dei missionari  salesiani. 

E lo è anche in Italia, dove i salesiani sono impegnati da anni in un’azione educativa  importante con i giovani nelle carceri minorili, attraverso la prevenzione, il sostegno per l’inserimento scolastico, le attività sportive e laboratoriali, il reinserimento sociale. L’idea è quella di portare “Il cortile dietro le sbarre”, come titola il libro-intervista di Don Domenico Ricca, dal 1979 cappellano nel carcere minorile di Torino “Ferrante Aporti”, oltre che supervisore pedagogico della Comunità Residenziale per minori dei Salesiani a Casale, un’esperienza ultraventennale nel Terzo Settore e, infine, da qualche anno, Presidente dell’Associazione Amici di Don Bosco per le adozioni internazionali. 

“Don Bosco tornerebbe in prigione, tornerebbe alla Generala”, racconta don Ricca, per tutti  Meco. “Si inventerebbe l’uso dei social. Creerebbe gruppi su Whatsapp e Instagram! Cosa non inventerebbe oggi perché ai suoi ragazzi, «i discoli e i pericolanti», non venisse negato il diritto alla bellezza! Don Bosco manderebbe in carcere i suoi preti e chierici più ardimentosi, giovani, li sosterrebbe anche nelle loro intemperanze. Ma soprattutto sarebbe padre, amico e fratello dei ragazzi reclusi e ripeterebbe anche oggi il suo monito della «Lettera dei castighi»: «Amateli i ragazzi. Si otterrà di più con uno sguardo di carità, con una parola di incoraggiamento che con molti rimproveri» perché «tutti i giovani hanno i loro giorni pericolosi, e voi anche li avete. Guai se non ci studieremo di aiutarli a passarli in fretta e senza rimprovero»”. 

Fondazione Don Bosco

Missioni Don Bosco dal 1991 porta avanti progetti a carattere educativo e di formazione professionale in tutto il mondo, in 133 paesi. La sfida è quella di creare sviluppo nei paesi svantaggiati e di offrire un sostegno alle popolazioni in difficoltà non solo con aiuti immediati e interventi emergenziali, ma anche e soprattutto con un’azione mirata a far crescere i giovani con valori e strumenti che permettano loro di diventare soggetti attivi nello sviluppo sociale del proprio paese. Un’azione che vuole crescere nel tempo per offrire a sempre più bambini e ragazzi l’opportunità di ricevere un’educazione, di costruirsi un futuro con le proprie mani attraverso strumenti mirati, in particolar modo quelli della formazione professionale e dell’avviamento al lavoro. Tutto questo facendo riferimento alla concretezza salesiana che caratterizza i nostri progetti e ogni azione rivolta alla salvaguardia e alla valorizzazione delle popolazioni emarginate e in povertà presenti in tutti i continenti.

For further information www.missionidonbosco.org
Donation hotline 45537
From September 04, 2020 until December 31, 2020
Donation from a Convergenze landline: 5 €
La vita è meravigliosa: mettici il cuore
Raccolta fondi per la ricerca scientifica per la diagnosi precoce delle malattie cardiovascolari con metodi e strumenti all’avanguardia.
Fondazione Cuore Domani SICCH Research Onlus

Cuore Domani è la Fondazione diretta emanazione della Società Italiana di Chirurgia Cardiaca, unica società scientifica italiana che raggruppa tutti i cardiochirurghi italiani operanti in Italia e all'estero. La Società Italiana di Chirurgia Cardiaca ha più di 50 anni di età, essendo stata fondata nel 1967, all'alba del primo trapianto di cuore eseguito in Sud Africa e da allora è l'unico interlocutore istituzionale accreditato a livello ministeriale

For further information www.cuoredomani.org
Donation hotline 45510
From September 01, 2020 until December 31, 2020
Donation from a Convergenze landline: 5 €
Il mio dono

Con la campagna Il mio dono verranno finanziati i migliori progetti di Ricerca Extramurale 2019, laddove con "migliori"  si intende quei progetti che, a giudizio di una commissione valutatrice di esperti, abbiano ricevuto il punteggio più alto in base ai criteri di merito scientifico e potenziale terapeutico. Il criterio di rilevanza rispetto alla missione di Telethon (l'avanzamento della ricerca verso la cura delle malattie genetiche rare) costituisce la condizione necessaria per l'eleggibilità dei progetti al bando.

Fondazione Telethon

Fondazione Telethon è una delle principali charity biomediche italiane, nata nel 1990 per iniziativa di un  gruppo di pazienti affetti da distrofia muscolare.  La sua missione è di arrivare alla cura delle malattie genetiche rare grazie a una ricerca scientifica di  eccellenza, selezionata secondo le migliori prassi condivise a livello internazionale.  Attraverso un metodo unico nel panorama italiano, segue l’intera “filiera della ricerca” occupandosi della  raccolta fondi, della selezione e del finanziamento dei progetti e dell’attività stessa di ricerca portata avanti  nei centri e nei laboratori della Fondazione. Telethon inoltre sviluppa collaborazioni con istituzioni sanitarie  pubbliche e industrie farmaceutiche per tradurre i risultati della ricerca in terapie accessibili ai pazienti.  Dalla sua fondazione ha investito in ricerca quasi 500 milioni di euro, ha finanziato oltre 2.620 progetti con  oltre 1.600 ricercatori coinvolti e più di 570 malattie studiate.  Ad oggi grazie a Fondazione Telethon è stata resa disponibile la prima terapia genica con cellule staminali al  mondo, nata grazie alla collaborazione con GlaxoSmithKline e Ospedale San Raffaele. Strimvelis, questo il  nome commerciale della terapia, è destinata al trattamento dell’ADA-SCID, una grave immunodeficienza  che compromette le difese dell’organismo fin dalla nascita. La terapia genica è in fase avanzata di  sperimentazione anche per la leucodistrofia metacromatica (una grave malattia neurodegenerativa), la  sindrome di Wiskott-Aldrich (un’immunodeficienza) e per la beta talassemia, mentre è appena stata  avviata o è prossima all’avvio per due malattie metaboliche dell’infanzia (rispettivamente, la  mucopolisaccaridosi di tipo 6 e di tipo 1). Inoltre, all’interno degli istituti Telethon è in fase avanzata di  studio o di sviluppo una strategia terapeutica mirata anche per altre malattie genetiche, come per esempio  l’emofilia o diversi difetti ereditari della vista. Parallelamente, continua in tutti i laboratori finanziati da  Telethon lo studio dei meccanismi di base e di potenziali approcci terapeutici per patologie ancora senza  risposta.

For further information www.telethon.it
Donation hotline 45512
From September 01, 2020 until December 31, 2020
Donation from a Convergenze landline: 5 €
SMuoviti

La sclerosi multipla (SM) è una malattia cronica invalidante che colpisce il sistema nervoso centrale di giovani adulti, interrompendo il flusso di informazioni all'interno del cervello e del corpo. Circa il 15% delle persone cui viene diagnosticata la SM sviluppa fin dall’inizio la forma primariamente progressiva (SM – PP), mentre una buona percentuale di persone con una forma di SM a ricadute dopo un periodo variabile sviluppa la forma progressiva (SM secondariamente progressiva SMSP). In queste forme, ogni giorno la progressione della malattia può privare le persone di qualcosa: visione, capacità cognitive, mobilità, capacità di lavorare e indipendenza personale. Più di 2,3 milioni di persone nel mondo attualmente convivono con la malattia; oltre 1 milione di persone hanno una forma progressiva di SM. Nonostante i progressi sostanziali nei trattamenti che possono influenzare il decorso delle forme di malattia con ricadute, per le persone con sclerosi multipla progressiva primaria o secondaria mancano trattamenti efficaci.

Per questo motivo molti dei progetti che annualmente AISM, attraverso la sua Fondazione FISM, finanzia sia con il bando annuale sia con i Progetti Speciali, sono dedicati alla ricerca di base e alla ricerca clinica sulle forme progressive.

AISM Associazione Italiana Sclerosi Multipla

AISM Associazione Italiana Sclerosi Multipla è l’unica organizzazione in Italia che interviene a 360 gradi sulla sclerosi multipla: rappresenta e afferma i diritti delle persone con SM, promuove i servizi a livello nazionale e locale e sostiene, indirizza e promuove la ricerca scientifica. Dal 1968, da 50 anni, AISM è il punto di riferimento più autorevole e più vicino per tutte le persone con SM, 114 mila, i loro familiari, gli operatori sanitari e sociali.

For further information www.aism.it
Donation hotline 45520
From September 01, 2020 until December 31, 2020
Donation from a Convergenze landline: 5 €
Emergenza Coronavirus

Dallo scoppio dell’emergenza Coronavirus in Lombardia, lo scorso 21 febbraio 2020, il Policlinico San Matteo è in prima linea per la cura dei malati per tutto il territorio della provincia di Pavia e per quelle di Lodi, Piacenza, Milano. I pazienti ricoverati per Covid sono quasi 350, di cui 40 in terapia intensiva e 55 in sub-intensiva, e l’intera organizzazione interna dell’Ospedale è stata rivoluzionata, con ben 4 reparti (Pronto Soccorso, Malattie Infettive e Rianimazione 1 e 2) totalmente dedicati al contenimento del virus.

Dal 2015 Fondazione Soleterre ha un protocollo di intesa col Policlinico IRCCS di Pavia e collabora attivamente con l’Ospedale con particolare riferimento all’oncoematologia pediatrica, per offrire supporto psicologico a bambini malati di tumore e ai loro familiari, nonché per offrire supervisione psicologica a medici e operatori sanitari del reparto. Soleterre ha inoltre notevole esperienza come ONG internazionale nella gestione di progetti di emergenza sanitari.

Con l’aggravarsi della situazione sanitaria, Fondazione Soleterre ha offerto al Policlinico San Matteo massima collaborazione, mettendo a disposizione il proprio team di psicologi di Soleterre, rafforzato da un ulteriore gruppo di professionisti esterno, per interventi sia in presenza che da remoto.

Il 13\03\20 Fondazione Soleterre e Policlinico San Matteo hanno sottoscritto un accordo attuativo che permette al team di intervenire nei reparti coinvolti a favore di operatori medico sanitari, pazienti e parenti colpiti dal Covid.

Dal 16\03\20 il progetto di supporto psicologico in emergenza è pienamente operativo, con un centralino organizzativo e un team sempre disponibili presso i reparti più colpiti.

Oltre a continuare le attività di sostegno psicologico per bambini e familiari in Oncologia Pediatrica, Soleterre ha potenziato le attività di supporto psicologico intervenendo anche su pazienti, parenti e operatori impegnati nell’emergenza Coronavirus al Policlinico San Matteo.

Fondazione Soleterre

Soleterre è una Fondazione Onlus che lavora per il riconoscimento e l’applicazione del Diritto alla Salute nel suo significato più ampio. Per questo oltre a fornire cure e assistenza medica, si impegna per la salvaguardia e la promozione del benessere psico-fisico per tutte e tutti, sia a livello individuale che collettivo, ad ogni età e in ogni parte del mondo. La prevenzione, la denuncia e il contrasto delle disuguaglianze e della violenza, qualsiasi sia la causa che la genera, sono parte integrante dell’attività di Soleterre: perché salute è giustizia sociale.

For further information www.soleterre.org
Donation hotline 45521
From September 01, 2020 until December 31, 2020
Donation from a Convergenze landline: 5 €
Giorni della Ricerca

La terza campagna di raccolta fondi del 2020 è il progetto Giorni della Ricerca a sostegno dei giovani ricercatori.

Fondazione AIRC

Da oltre cinquant’anni l’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro sostiene progetti scientifici innovativi grazie a una raccolta fondi trasparente e costante, diffonde l’informazione scientifica, promuove la cultura della prevenzione nelle case, nelle piazze e nelle scuole. Oggi conta su 4 milioni e mezzo di sostenitori, 20mila volontari e 17 comitati regionali che garantiscono a circa 5.000 ricercatori - 63% donne e 52% ‘under 40’ - le risorse necessarie per portare nel più breve tempo possibile i risultati dal laboratorio al paziente. Dalla fondazione a oggi AIRC ha distribuito oltre 1 miliardo e trecento milioni di euro per il finanziamento della ricerca oncologica (dati attualizzati e aggiornati al 1 gennaio 2018).

For further information www.airc.it
Donation hotline 45514
From September 01, 2020 until December 31, 2020
Donation from a Convergenze landline: 5 €
#unastoriadimani

La Lega del Filo d’Oro da alcuni anni è fortemente impegnata nella realizzazione di un nuovo Centro Nazionale per le persone con sordocecità e pluriminorazione psicosensoriale, un centro all'avanguardia in tutta Europa. Il primo lotto del Centro Nazionale è pienamente operativo e stanno proseguendo i lavori per la realizzazione del secondo lotto che permetterà il trasferimento complessivo dei servizi, nonché un ulteriore aumento della capacità di accoglienza. La campagna è dedicata alla realizzazione degli ambienti per le attività fisioterapiche che hanno un ruolo importantissimo nello stimolare i bambini e gli adulti sordociechi nel migliorare le proprie abilità in termini di equilibrio e di coordinazione, agevolando l’orientamento, la mobilità e l’autonomia.

Lega del Filo d'Oro

La Lega del Filo d'Oro nasce a Osimo nel 1964 per volontà di Sabina Santilli, sordocieca dall'infanzia. Grazie all'aiuto di un gruppo di volontari iniziano da subito le prime attività dell'Associazione, che deve il suo nome al "filo prezioso che unisce le persone sordocieche con il mondo esterno". Nel 2014 l'Associazione ha festeggiato 50 anni di attività al fianco delle persone sordocieche e pluriminorate psicosensoriali. 50 anni passati con lo scopo di migliorare la qualità della vita delle persone che non vedono, non sentono e sono affette da gravi disabilità attraverso la creazione di apposite strutture specializzate; la formazione di educatori, tecnici e volontari; lo svolgimento di attività di ricerca e sperimentazione nel campo della sordocecità e della pluriminorazione psicosensoriale; la promozione di rapporti con enti, istituti, università italiane e straniere e la sensibilizzazione degli organismi competenti e dell'opinione pubblica nei confronti di questo tipo di disabilità.

For further information www.centro.legadelfilodoro.it
Donation hotline 45527
From August 23, 2020 until October 30, 2020
Donation from a Convergenze landline: 5 €
La Olimpiadi del Cuore

Beneficiario della raccolta tramite il numero solidale 45527 sarà il progetto "Mattone del Cuore Peace Hospital Primo Pronto Soccorso" di Medjugorje (https://bit.ly/2Z5tfEg) dell'Associazione ONLUS Olimpiadi del Cuore ideata e sostenuta da Paolo Brosio.

Associazione “La Partita del Cuore – Umanità senza Confini”

L’Associazione “La Partita del Cuore – Umanità senza Confini” ONLUS nasce nel 2005 per volontà dell‘Associazione Nazionale Italiana Cantanti al fine di raccogliere fondi da destinare alla realizzazione di importanti progetti di solidarietà e di aiuto diretto e concreto a chi è stato meno fortunato. In questi dodici anni sono stati raccolti, e interamente devoluti, più di 10.000.00,00 (dieci milioni) di Euro proprio grazie agli eventi che l’Associazione ha promosso ed organizzato: fra tutti la Partita del Cuore, il tradizionale appuntamento televisivo in diretta su Rai Uno che vede protagonista proprio la Nazionale Italiana Cantanti e dove l’Associazione costituisce e rappresenta il vero centro di raccolta fondi gestendo non solo la vendita dei biglietti d’ingresso allo stadio ma, soprattutto, le donazioni che arrivano grazie alle telefonie fisse e mobili tramite l’sms solidale e quelle dirette con le carte di credito. I principi e i valori etici che hanno ispirato e che guidano l’azione dell’Associazione si sono concretizzati in importanti progetti di solidarietà, in Italia e all’estero.

Ad esempio, il forte impegno e l’attenzione per il valore della ricerca si è esplicitato nel sostegno a Telethon, alla Fondazione Ricerca sul Cancro, all’Ail, all’AISM ma non solo, tante piccole realtà di provincia sono state sostenute per l’acquisto ad esempio di poltrone per la raccolta del sangue (AVIS) oppure di autoambulanze mediche attrezzate con macchinari specifici come i defibrillatori. 

For further information http://www.partitadelcuore.it/
Donation hotline 45518
From May 09, 2020 until December 31, 2020
Donation from a Convergenze landline: 5 €
Pronti a fermarlo?

L'identificazione dei fattori genetici del paziente ospite del virus, che svolgono un ruolo chiave nel contagio e nella gravità dei sintomi da SARS-COV-2, rappresenta un importante supporto per elaborare modelli della malattia, stabilire future misure di contenimento del contagio e scoprire nuove strategie terapeutiche.

Comprendere la patogenesi della malattia da COVID19 e testare rapidamente nuovi farmaci attraverso l’interdisciplinarietà della genetica, dell’epidemiologia e della fisiopatologia.

La verifica dell’impatto del profilo genetico individuale sulle caratteristiche cliniche e sulla progressione della malattia da COVID19 porterà ad identificare varianti genetiche di suscettibilità e/o di protezione nei confronti della stessa. Sarà così possibile inserire queste varianti in un modello cellulare ingegnerizzato e di ricapitolare in vitro l’infezione da COVID19. Lo studio prevede la collaborazione non solo di diverse Unità di Ricerca interne all’Università Campus Bio-Medico ma anche di 4 centri COVID del Lazio che consentiranno di arruolare i pazienti previsti.

Campus Bio-Medico di Roma - Onlus

L’associazione Amici, senza fini di lucro, nasce dalla necessità di sostenere lo sviluppo dell’attività clinico-didattica dell'Università Campus Bio- Medico di Roma.

E’ nota in 14 regioni italiane, dove conta sul supporto di Soci e di Delegati.  Sostiene la ricerca scientifica della nostra Università, adoperandosi per raccogliere fondi necessari alle dotazioni del Policlinico.

Ricava i mezzi utili a finanziare tutte le sue attività dalle quote annuali dei propri soci, dai donativi e dagli eventi di raccolta fondi. come cene sociali, eventi in Teatro e concerti